Home Notizie dai Consorzi Cib, dal biometano un contributo contro il cambiamento climatico

Cib, dal biometano un contributo contro il cambiamento climatico

Secondo Gattoni, presidente del Cib, urge un quadro normativo definito

Il cambiamento climatico si manifesta con fenomeni sempre più gravi e rende urgente una rivoluzione energetica ma l’energia da fonti eoliche e solari da sola è insufficiente ad alimentare una transizione ad un sistema elettrico 100% rinnovabile. A rilevarlo è il Consorzio italiano biogas (Cib) che suggerisce l’utilizzo di biometano, “una bioenergia programmabile e dai costi comprimibili”.

“L’Italia dispone di un bacino energetico ancora quasi totalmente inutilizzato e complementare con le altre rinnovabili: il biometano – spiega Piero Gattoni, presidente del Cib in vista della due giorni il 14 e 15 febbraio a Roma dedicata a biogas e biometano – può avere un ruolo importante nel decarbonizzare la nostra economia, sfruttando nel contempo le infrastrutture di distribuzione già esistenti e operando un efficace greening della rete del gas”. Il Cib stima che “la produzione di biometano possa raggiungere in Italia i 10 miliardi di metri cubi al 2030, di cui almeno 8 da matrici agricole, pari a circa il 12-13% dell’attuale fabbisogno annuo di gas naturale e ai due terzi della potenzialità di stoccaggio della rete nazionale”.

“Per liberare le potenzialità di questa risorsa 100% Made in Italy e per difendere l’intera filiera agricola e industriale – continua Gattoni – va velocizzata la procedura di valutazione del decreto biometano da parte della Commissione Europea. E’ urgente, inoltre, che l’esecutivo uscente emani i decreti ministeriali attuativi necessari per lo sviluppo delle fonti rinnovabili per gli anni 2017-2020, dando seguito alla promessa di portare a termine il lavoro entro la fine della legislatura e chiudendo così un percorso che dura da oltre un anno e mezzo. In particolare – chiarisce Gattoni – è necessario supportare lo sviluppo di piccoli impianti di biogas, specialmente quelli a servizio delle aziende zootecniche, per permettere di mitigare gli impatti ambientali e di accrescere la competitività del settore primario”.

FONTEAnsa
CONDIVIDI