Home Demolizioni Demolizioni sostenibili

Demolizioni sostenibili

Il Circular Economy Package of waste and recycling laws promosso dalla Commissione europea ha messo in evidenza il ruolo di costruzione e demolizione degli edifici

Il Circular Economy Package of waste and recycling laws promosso dalla Commissione europea ha messo in evidenza il ruolo di costruzione e demolizione degli edifici.
Ma qual è il modo migliore per demolire un edificio e come possono i rifiuti essere trasformati in una risorsa riutilizzabile?

A queste due domande ha provato a rispondere EurActive tramite un’infografica realizzata grazie alla collaborazione di Timber Trade Federation, PlasticsEurope, Gypsum to Gypsum, CEMBUREAU, Eurometaux e Glass for Europe.

COME EFFETTUARE UNA DEMOLIZIONE SOSTENIBILE?
Tre i punti da cui partire: sperare che la costruzione sia stata progettare per essere riciclata, vedere i rifiuti come una risorsa e creare – di conseguenza – un loro mercato. Per ogni materiale, EurActive ha pensato a quattro diversi step.

Per quanto riguarda la PLASTICA il primo passo è quella di separarla dagli altri materiali. In seguito, dopo aver raccolto e trasportato i rifiuti plastici in impianti di smistamento, questi possono essere spediti in impianti per il recupero e successivamente utilizzati per realizzare nuovi prodotti o bruciati per produrre calore o elettricità.

Anche per il VETRO avviene più o meno lo stesso procedimento che porta a diversi benefici: meno materie prime, energia e CO2.

Il METALLO, una volta recuperato, dovrà essere triturato, ordinato e pulito. Successivamente, verrà fuso e raffinato per fare lingotti di metallo per nuovi prodotti. In questo modo, rispetto alla produzione di metallo nuovo proveniente da materie prime, viene risparmiato circa il 60% – 95% di energia.

Anche il GESSO e il LEGNO, una volta rimossi, verranno inviati a dei centri di recupero specializzati e riutilizzati. Dal gesso verranno realizzare nuove lastre da utilizzare sempre nella costruzione di edifici, mentre il legno potrà essere impiegato come truciolato o bruciato come biomassa.

Infine, il CALCESTRUZZO, una volta rimosso e riciclato, verrà utilizzato al 100% per realizzare nuove costruzioni oppure per la costruzione di strade. In questo modo si potrà risparmiare sull’estrazione e sul trasporto.

FONTECasaeclima.com
CONDIVIDI