Home News dalle Aziende Grande successo per il salone della crescita verde

Grande successo per il salone della crescita verde

L’edizione 2018 di Pollutec ha confermato ancora una volta l’unicità dell’evento internazionale che è diventato il punto di riferimento per tutti coloro che sono coinvolti nelle tematiche ambientali e nella crescita verde. 70.076 partecipanti provenienti da 128 paesi diversi, hanno confermato che le questioni ambientali ed energetiche restano una priorità per i professionisti.

Dopo 40 anni dalla nascita del marchio Pollutec nel 1978, l’evento si è pian piano evoluto fino a diventare uno dei più importanti forum della green economy.

Nelle prime edizioni la mostra si occupava principalmente di inquinamento e trattamento dei rifiuti. Poi ha integrato gradualmente la prevenzione ambientale e la lotta al riscaldamento globale fino a diventare un evento che riflette una chiara evoluzione dei modelli in tutti i settori economici, cercando di promuovere l’innovazione e i soggetti emergenti.

Originariamente incentrato sui settori chiave dell’ambiente (acqua, aria, rumore e rifiuti), attualmente Pollutec è organizzato intorno a quattordici temi, dalla gestione delle risorse alla biodiversità, dalla mobilità all’efficienza energetica.

Temi chiave

Fra gli argomenti posti in primo piano quest’anno, l’economia circolare è stata onnipresente: nei forum e nelle aree dimostrative, durante le presentazioni e le cerimonie di premiazione e durante il Primo Summit Internazionale delle Commissioni delle Città e delle Regioni. Il Vertice è andato ben oltre le dichiarazioni di intenti e ha consentito alle Città e alle Regioni già impegnate di fornire un feedback sulla loro esperienza ai rappresentanti delle autorità locali che erano essi stessi pronti a prendere tale impegno. In un campo che copre così tanti problemi, l’opportunità di confrontare le note e scambiare idee con colleghi di altre città e paesi è stata insolita e costruttiva. Un vero successo per questa prima edizione il cui programma è stato sviluppato a partire dai 52 progetti identificati nel contesto di una call for paper internazionale.

Altro problema eminentemente trasversale, la questione della plastica è stato esaminato da tutte le angolazioni, dalla produzione al recupero attraverso il riciclaggio e il riuso (raggiungere il l’obiettivo 100%, virare verso un’economia circolare, ecc). Di conseguenza, una vasta gamma di esperti ha abbracciato l’argomento per tutta la durata dell’evento.

Infine, Pollutec 2018 ha dato maggiore visibilità alle questioni e ai problemi del mare e della costa, e alle azioni necessarie per affrontare le soluzioni esistenti. Questo è stato l’obiettivo del Focus Mer & Littoral supportato da un Forum di conferenze sulle tematiche dei problemi di inquinamento marino, delle materie plastiche, dei rischi costieri e più in generale, della crescita blu sostenibile.

Un trampolino per l’innovazione ambientale

Durante questa edizione anniversario, Pollutec ha confermato la sua posizione di capitale mondiale dell’innovazione ambientale. Startup, tecnologie, metodi organizzativi, temi emergenti, nuovi approcci, un’intera dinamica dispiegata in quattro giorni su tutte le tematiche dell’ambiente e dell’energia. Così, 156 soluzioni innovative, dichiarate dagli espositori prima del salone, sono state messe sotto i riflettori. Selezionati nell’ambito della Vetrina dell’Innovazione organizzata con il Pexe, i tre vincitori finali Starklab (rimozione dei fumi industriali con recupero di energia), Stepsol (circuito chiuso micro-step accoppiato con solare) e Nereus (trattamento delle acque reflue per produrre acqua potabile), hanno ricevuto il premio da Brune Poirson, Segretario di Stato presso il Ministro de Rugy (Ministre de la Transition écologique et solidaire), Stephanie Gay-Torrente, regista dello spettacolo e Jean-Claude Andreini, presidente della Pexe.

Spazi dedicati all’innovazione come il Village Startups, l’Innovation Hub, lo stand francese Tech e lo stand Cofil hanno avuto un grande afflusso di visitatori. Sono state messe in luce molte start-up e aziende innovative durante varie sessioni su diverse tematiche di attualità: acqua, edilizia, performance, economia circolare, energia, città sostenibile / mobilità, tecnologia digitale, French Tech, GreenTech…

E come sempre, in questa profusione di innovazione ambientale, Pollutec ha ospitato numerosi premi e trofei ufficiali.

Un evento di riferimento per molti paesi

Nonostante l’intenso contesto internazionale (orologio climatico COP24, riunione sul clima del G20, progetto di strategia europea per l’energia e il clima …), Pollutec ha goduto di un grande pubblico internazionale. Dopo l’Europa, che rappresenta la metà di tutti i visitatori internazionali, in gran parte guidati da Svizzera, Belgio, Italia, Spagna e Germania, l’Africa rimane il secondo continente più rappresentato, in particolare con Maghreb (Marocco, Algeria, Tunisia), Costa d’Avorio, Burkina Faso, Senegal o Camerun, l’evento che costituisce l’appuntamento ambientale per molti di loro. Interessanti scambi hanno avuto luogo tra Burkinabe e rappresentanti ivoriani. Infine, oltre a Spagna e Germania, quest’anno sono stati registrati buoni incrementi: Russia, Cina, Canada, Marocco e Cile, il più delle volte associati alle prospettive di un ritorno nel 2020.

L’arrivo del Burkina Faso come ospite d’onore ha prodotto un ampio programma di interventi e scambi in presenza di Nestor Batio Bassière, Ministro dell’ambiente, Green Economy e Climate Change e una delegazione ufficiale. Fra gli argomenti chiave discussi: le risorse idriche, la bonifica del suolo, la fertilizzazione del suolo, le energie rinnovabili incluso il fotovoltaico, la gestione dei rifiuti organici, la città sostenibile. Il ministro Batio Bassière ha già fissato un appuntamento per la prossima edizione affermando: “ormai presenzieremo regolarmente”.

Infine, dei 2161 espositori presenti quest’anno, 682 provenivano da 36 paesi al di fuori della Francia. Sebbene la maggior parte provenisse dall’Europa (UE e altri), 36 provenivano dall’Asia (Cina, Corea del Sud, Taiwan), 13 dall’America (Brasile, Canada, Stati Uniti), 14 dalla Turchia e altri dall’Algeria, dall’Ucraina, dagli Emirati Arabi Uniti, ecc.

Oltre 2.400 incontri organizzati

Questa edizione di Pollutec 2018 ha dato luogo a diverse migliaia di contatti effettuati attraverso le varie operazioni proposte, i Green Days organizzati con ICC Rodano-Alpi, un membro del EEN, i tre programmi – Industria, Autorità Locali, Occupazione- ma anche altre opportunità nel Summit delle Città e Territori e gli incontri con i membri della delegazione Burkinabe. I Green Days hanno registrato 1346 appuntamenti tra i 392 partecipanti provenienti da 41 paesi (2692 contatti), e i tre programmi, oltre 1.100 appuntamenti (vale a dire 2 200 contatti).

Pollutec: un libro di 40 anni

Per celebrare i 40 anni del deposito del marchio Pollutec, il team ha organizzato numerosi eventi di festa sostenuti dalla pubblicazione di un libro “Pollutec 40” che permette di collocare la storia del salone nel contesto dell’evoluzione delle questioni ambientali e climatiche dell’epoca del boom economico. La versione elettronica di questo libro sarà presto scaricabile sul sito web.

CONDIVIDI