Home Demolizioni Inizia la demolizione delle Torri di Zingonia, negli anni ’60 simbolo della...

Inizia la demolizione delle Torri di Zingonia, negli anni ’60 simbolo della “città abitazione”

Sono iniziate lunedì 25 marzo le operazioni di demolizione dei sei condomini denominati Anna e Athena, le cosiddette Torri di Zingonia (Bergamo)

Le prime operazione di bonifica del sito prevedono: derattizzazione, eliminazione di infissi, grate, porte, finestre, inferriate e rimozione dei rifiuti.

Seguirà una seconda fase di rimozione e smaltimento dell’amianto dalle canne fumarie e delle coperture di eternit.

Successivamente, entro fine giugno, partiranno i lavori di demolizione vera e propria, con l’eliminazione delle partizioni e infine delle strutture portanti.

La demolizione è affidata a Vitali Spa di Ciserano che dispiegherà un escavatore da 1.200 quintali (modello CX800) dotato di un braccio con pinza idraulica lungo 47 metri, necessario per smontare pezzo a pezzo gli edifici alti 29 metri, un escavatore da 500 quintali con pinza idraulica da 50 quintali, e altri due mezzi – da 400 quintali l’uno – attrezzati con un frantumatore pneumatico da 40 quintali. I lavori dovrebbero concludesi entro 280 giorni.

Le sei Torri di Zingonia costruite intorno alla cosiddetta “fontana del Missile” alla fine degli anni Sessanta, sono parte e simbolo del progetto urbano, datato 1964, dell’imprenditore Renzo Zingone che volle realizzare una “città per i lavoratori” delle numerose industrie a cavallo tra i comuni bergamaschi di Verdellino, Ciserano, Osio Sotto, Verdello e Boltiere, dotata di tutti i servizi, che all’epoca divenne un modello di efficienza.

Zingonia, che non esiste sulle carte geografiche, prese il nome di  dal suo progettista e doveva essere una “città ideale”.

Il progetto utopico non venne mai realizzato come sulla carta e già a metà degli anni Settanta cominciò a manifestare delle problematiche.

Fortemente degradata negli ultimi anni, l’area è stata a lungo teatro di occupazioni abusive.

Ultimati i lavori di demolizione si renderà disponibile uno spazio di ventimila metri quadrati. Il lotto di terreno verrà assegnato attraverso un’asta pubblica. La destinazione d’uso è già stata modificata e non prevede più la costruzione di edifici per abitazione.

CONDIVIDI