Home Notizie dai Consorzi La Paper Week Comieco porta la filiera del riciclo in sessanta milioni...

La Paper Week Comieco porta la filiera del riciclo in sessanta milioni di case

paperweek_comieco

Dal 12 al 18 aprile, il Consorzio per il Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica dà vita a sette giorni di eventi digitali per scoprire, riscoprire, sperimentare e approfondire il funzionamento della filiera del riciclo di carta e cartone e le sue molteplici implicazioni. Comodamente dal proprio divano.

Negli ultimi 12 mesi, la pandemia ci ha costretti a rivedere le nostre priorità, a imparare nuove regole e ad adeguarci a un nuovo stile di vita. La necessità ci ha imposto di guardare con nuovi occhi a gesti che erano per noi quotidiani (comunicare, lavorare, imparare, fare sport e persino viaggiare) permettendoci di riscoprirne il valore profondo mentre ideavamo o sperimentavamo modalità nuove e creative per compierli.

In questo contesto, gli italiani hanno dimostrato di saper applicare lo stesso mix di attenzione, responsabilità e spirito creativo anche ad un gesto tanto quotidiano quanto importante come la raccolta differenziata di carta e cartone. Secondo dati Comieco, infatti, nonostante i lockdown, in questi ultimi 12 mesi la differenziata di carta e cartone ha tenuto grazie soprattutto all’incremento della raccolta domestica: le nuove modalità di consumo e la crescita di e-commerce e food delivery hanno infatti determinato un aumento del 22% della quantità di imballaggi presenti nella raccolta urbana di carta e cartone. Segno che gli italiani non hanno dimenticato l’importanza e il valore della raccolta differenziata, e nemmeno le sue regole (tra le poche a non essere cambiate): anzi, il 62,4% degli italiani ha differenziato in maniera ancora più attenta carta e cartone proprio durante il periodo della pandemia (fonte: AstraRicerche).

Per ribadire l’importanza del riciclo di carta e cartone come gesto responsabile e fondamentale per alimentare una filiera circolare e virtuosa, Comieco – in collaborazione con Federazione Carta e Grafica, Assocarta, Assografici e Unirima, lancia la Paper Week: dal 12 al 18 aprile, una settimana di appuntamenti digitali pensati per approfondire i diversi aspetti legati al mondo del riciclo di carta e cartone e mostrare a grandi e piccoli cosa succede ai materiali cellulosici conferiti correttamente alla raccolta differenziata attraverso un tour guidato negli impianti della filiera di carta e cartone con RicicloAperto virtuale.

Il calendario – disponibile con tutti gli aggiornamenti sul sito web di Comieco – sarà ricco e articolato di iniziative divulgative dedicate alle scuole e al grande pubblico e momenti di approfondimento e dibattito rivolti a stakeholder e pubblici specializzati e affronterà ogni giorno un tema specifico:

E-COMMERCE

La pandemia ha dato una ulteriore e importante spinta all’e-commerce, già in forte crescita negli ultimi anni: secondo una ricerca SWG (*), nel 2020 il 64% degli italiani si è affidato anche, o solo, agli acquisti online. Questa situazione ha prodotto un notevole aumento nell’utilizzo di imballaggi, soprattutto in carta e cartone (impiegati per il 92% dei prodotti spediti, fonte Unirima) e, di conseguenza, si fa sempre più accentuata la necessità di trovare soluzioni sostenibili per la loro produzione e recupero.

ECONOMIA CIRCOLARE E FILIERA

Il tema della transizione verso un modello di economia circolare rimane una delle priorità del nostro tempo. La filiera della carta e del cartone – con un tasso di circolarità (rapporto tra materie prime secondarie e la produzione di carta e cartoni) pari al 57% e un tasso di riciclo degli imballaggi pari all’81% – dà un significativo contributo alla transizione ecologica e allo sviluppo di modelli industriali ancora più efficienti, sostenibili e tecnologici, mirati al risparmio energetico e alla riduzione di emissioni di CO2.

FOOD

Le preoccupazioni legate all’igiene dei prodotti acquistati hanno spinto la richiesta di prodotti alimentari confezionati: in conseguenza della pandemia il 33% degli italiani ha incrementato l’acquisto di prodotti confezionati e, tra tutti i tipi di packaging, quello in carta e cartone è considerato uno dei più sicuri e igienici (*). È quindi fondamentale che l’industria degli imballaggi lavori alla messa a punto di packaging che, sempre più, siano in grado di offrire garanzie non solo in termini di protezione e igiene, ma anche di sostenibilità e capacità di prolungare la vita dei prodotti contribuendo così alla lotta contro gli sprechi alimentari.

DESIGN ED ECO PROGETTAZIONE

Nonostante la pandemia abbia portato in primissimo piano i temi della salute e della sicurezza, gli italiani sono sempre sensibili ai temi ambientali e considerano il packaging l’elemento che maggiormente esprime la sostenibilità di un prodotto: in questo senso, gli imballi in carta e cartone sono considerati dal 73,6% degli italiani (**) i migliori in assoluto.

RICICLO

L’innovazione tecnologica rimane uno dei driver di cambiamento verso un sistema più sostenibile e l’industria del packaging in carta e cartone è alla costante ricerca di soluzioni sempre più performanti e semplici da differenziare e riciclare. Per il 71% degli italiani (**), infatti, la caratteristica più importante del packaging è che sia riciclabile.

“L’Italia è già tra i primi paesi in Europa per tasso di riciclo di imballaggi, che nel 2019 si è attestato all’81%, e la raccolta differenziata urbana è cresciuta continuamente negli anni raggiungendo i 3,5 milioni di tonnellate nel 2019. Ma questo non deve essere un traguardo, bensì un punto di partenza per fare ancora meglio: sfruttando le risorse del Recovery Fund, per esempio, si potrebbero fare investimenti mirati a colmare il divario tra nord e sud nella gestione della raccolta differenziata, intercettando un potenziale di almeno altre 800.000 tonnellate di carta e cartone.” – spiega Carlo Montalbetti, Direttore Generale di Comieco. “Per questo motivo è fondamentale continuare la sensibilizzazione pubblica, in una forma digitale imposta dalla situazione che tuttavia, con Riciclo Aperto virtuale, ci dà l’opportunità di portare il ciclo del riciclo di carta e cartone nelle scuole e nelle case di insegnanti e studenti e in questo modo investire sull’educazione ambientale dei cittadini di oggi e di domani”.

Il programma della settimana, consultabile sul sito www.comieco.org, prevede appuntamenti fissi come RicicloAperto virtuale (il “porte aperte” della filiera del riciclo della carta che diventa un’esperienza totalmente digitale e interattiva per permettere di visitare gli impianti di selezione e riciclo di carta e cartone comodamente dal proprio divano), la Paper week challenge (un live quiz in diretta streaming che vedrà più comuni italiani sfidarsi e mettersi alla prova relativamente al riciclo di carta e cartone) e Aperitivi con Comieco (dibattiti in live streaming con il coinvolgimento di docenti ed esperti per approfondire la tematica oggetto della giornata).

Il calendario delle iniziative sarà completato da attività di influencer marketing ed engagement dedicate sui vari canali social.

Con l’inizio della paper week partirà anche una serie speciale di Podcast originali “Darwin – L’evoluzione della scienza” di Radio 24, media partner dell’iniziativa. 5 puntate dedicate alle diverse tematiche legate al packaging in carta e cartone.

Tutti gli appuntamenti saranno gratuiti e trasmessi in streaming sul sito di Comieco. Ecco qualche assaggio.

Paper Week Challenge

La Paper Week Challenge è, insieme a RicicloAperto Virtuale, il principale appuntamento fisso che scandisce la Paper Week organizzata da Comieco. Da lunedì 12 a venerdì 16 aprile, diversi comuni italiani si sfideranno in un live quiz in diretta streaming, per mettersi alla prova relativamente al riciclo di carta e cartone e aggiudicarsi i premi in palio.

Un appuntamento coinvolgente, che vede i Comuni – rappresentati da squadre reclutate sul territorio in collaborazione con alcune onlus locali – competere tra loro per dimostrare chi sia il “riciclatore” più preparato sulle regole che garantiscono la qualità della raccolta differenziata di carta e cartone e che al contempo riflette la necessità di trovare sempre soluzioni diverse e al passo coi tempi per sensibilizzare su un tema fondamentale: quello dell’educazione ambientale.

Infatti, in un periodo in cui si deve rimanere il più possibile all’interno delle proprie mura domestiche e gli schermi – del pc, dello smartphone, del tablet – catturano costantemente la nostra attenzione, Comieco ha scelto di unire educazione e gioco per stimolare lo spirito competitivo delle città, mettendo a punto un interessante e innovativo strumento di divulgazione che possa suscitare l’interesse e la partecipazione delle persone ricordando le regole del buon riciclo.

Fruibile comodamente da casa e pensato in ottica educativa e inclusiva, Paper Week Challenge si presenta quasi come un videogioco, un “passatempo” che si è rivelato essere sempre più apprezzato dagli italiani – secondo l’ultimo rapporto IIDEA, infatti, nel 2020 il mercato italiano dei videogiochi ha registrato una performance storica generando un giro d’affari di 2 miliardi e 179 milioni di euro, con una crescita del +21,9% rispetto al 2019, e ha coinvolto almeno una volta il 38% della popolazione italiana tra i 6 e i 64 anni.

La Paper Week Challenge metterà “testa a testa” più di 20 comuni convenzionati con Comieco, coinvolgendo simbolicamente oltre 17 milioni di cittadini italiani, che, da Nord a Sud, metteranno alla prova la propria conoscenza del mondo del riciclo di carta e cartone proprio a partire dal gesto più semplice ma per nulla banale che dà impulso al ciclo del riciclo: quello di conferire correttamente i rifiuti cellulosici. L’elenco dei comuni partecipanti, in via di definizione, attualmente è composto da: Modena, Savona, La Spezia, Monza e Brianza, Novara, Alessandria, Biella, Livorno, Firenze, Roma, Napoli, Foggia, Lecce, Brindisi, Barletta, Andria, Trani, Agrigento, Catania, Enna, Palermo.

Riciclo Aperto Virtuale per classi e insegnanti

Nell’ambito della Paper Week, Comieco ha rinnovato l’appuntamento con RicicloAperto, iniziativa patrocinata dal Ministero per la Transizione Ecologica e che si pone l’obiettivo di mostrare cosa succede alla carta e al cartone dopo il conferimento nel cassonetto per la raccolta differenziata. Dal 2000 ad oggi, RicicloAperto – tradizionale “porte aperte” della filiera cartaria – ha coinvolto oltre 240.000 studenti nella visita a oltre cento impianti aperti ogni anno su tutto il territorio nazionale per sensibilizzare le giovani generazioni in modo attivo sull’importanza del riciclo di carta e cartone e contribuire alla formazione cittadini virtuosi e consapevoli del loro ruolo irrinunciabile affinché l’intera filiera funzioni correttamente.

Per superare le difficoltà legate alla situazione sanitaria che stiamo attraversando, quest’anno RicicloAperto si presenta in una rinnovata veste virtuale che consentirà di portare il ciclo del riciclo di carta e cartone nelle scuole e nelle case di studenti, insegnanti e cittadini.

Comieco ha, dunque, organizzato un suggestivo viaggio virtuale sulle orme di quello che compie la carta e che, in due settimane, da rifiuto cellulosico la porta a rinascere sotto forma di nuovo prodotto pronto a far ricominciare il ciclo.

Dal 12 al 16 aprile, nel corso della Paper Week, RicicloAperto accompagnerà in diretta studenti e insegnanti attraverso una piattaforma virtuale appositamente realizzata: un’alternanza dinamica di video-racconto immersivo e strumenti di interazione, giochi e quiz che potrà essere fruita sia in classe sia in didattica a distanza. Inoltre, le classi che prenderanno parte alle dirette di RicicloAperto durante la settimana della Paper Week avranno a disposizione il supporto live di guide esperte e potranno partecipare al contest “La carta da credito” che mette in palio buoni spesa Amazon del valore di 200 euro.

“20 anni fa si raccoglieva appena 1 milione di tonnellate di carta e cartone, oggi siamo oltre 3,5 milioni e 8 imballaggi su 10 vengono recuperati e avviati a riciclo: numeri importanti che posizionano l’Italia ai primi posti in Europa nel riciclo degli imballaggi a base di cellulosa”, afferma Carlo Montalbetti, Direttore Generale di Comieco. “Ma per quanto ottimi, questi numeri sarebbero nulli senza l’impegno quotidiano dei cittadini nell’effettuare una raccolta differenziata di qualità. Per questo siamo convinti dell’importanza di coinvolgere le giovani generazioni in modo attivo e divertente, facendo loro “toccare con mano” le diverse tappe che trasformano la carta da rifiuto a imballaggio. In un momento storico in cui è fondamentale salvaguardare la salute pubblica e in cui non è possibile organizzare visite guidate negli stabilimenti, abbiamo moltiplicato i nostri sforzi concependo RicicloAperto Virtuale per portare il ciclo del riciclo a casa di studenti, insegnanti e cittadini”.  

* Fonte: ricerca SWG “Le scelte dei consumatori rispetto agli imballaggi al tempo del Coronavirus”

** Fonte: AstraRicerche per Comieco

CONDIVIDI