Home Associazioni e Consorzi La raccolta differenziata non va in vacanza: i consigli di Comieco per...

La raccolta differenziata non va in vacanza: i consigli di Comieco per un Natale all’insegna della sostenibilità

L’avanzata dell’e-commerce (+24% rispetto al 2016) tra i fattori che aumentano sensibilmente la quantità di carta e cartone nelle case degli italiani.

Cenoni, biglietti di auguri, pacchetti regalo e sempre più acquisti online. Il Natale diventa sempre più digitale e porta con sé anche una grande quantità di carta e cartone in più. Già, perché più aumentano i clic, più aumentano gli imballaggi in materiale cellulosico da smaltire.

Secondo la Deloitte Christmas Survey 2018, la maggior parte degli italiani (74%) continuerà a recarsi in negozi fisici per effettuare i propri acquisti natalizi. Ciò nonostante si registra un incremento considerevole della percentuale di italiani che effettuerà parte delle proprie spese online (+24% rispetto al 2016). L’acquisto di prodotti online, calcola l’Osservatorio eCommerce B2c Netcomm Politecnico di Milano, avrà generato nel 2018 circa 260 milioni di spedizioni. Il che significa altrettanti pacchi in circolazione.

Si tratta di un cambiamento di vasta portata che va gestito e reso sostenibile. Bisogna considerare che tutti questi pacchi sono costituiti per il 90% di carta riciclata ed è tutto materiale che può essere recuperato e tornare in vita, in un’ottica di economia circolare. Non solo dunque incarti per regali e confezioni di panettoni o pandori. Proprio le festività natalizie ci ricordano quanto sia importante una raccolta differenziata di qualità. Perché ciò avvenga occorre che il cittadino faccia la sua parte, separando correttamente gli scarti prodotti. Niente panico, basta prendersi un po’ di tempo e seguire dei piccoli accorgimenti. Tutto l’anno.

Vademecum di Comieco per un Natale sostenibile

1. Pacchi e scatole
Separate il cartone da elementi estranei come nastro adesivo, punti metallici e plastiche che contengono le bolle di consegna e l’indirizzo. Appiattite successivamente il cartone in modo da occupare il minor spazio possibile nel bidone.

2. Pacchetti regalo sostenibili 
Vecchie scatole da scarpe, scatoloni e fogli di giornale possono essere utili per impacchettare regali di qualsiasi dimensione in modo creativo e colorato. Meglio ancora se accompagnati con biglietti e buste in carta riciclata.

3. Pranzi e cenoni con la carta. Dove la butto?
Carta oleata e carta forno, che tanto vengono usate per conservare e preparare le pietanze natalizie, vanno gettate nell’indifferenziato se sporche di cibo, altrimenti, se riportato sulla confezione, vanno conferite nel bidone di carta e cartone. Le confezioni di cotechino, zampone, panettone e pandoro sono costituite da materiali diversi: è necessario separare il cartoncino del packaging dall’involucro di plastica e conferirli nel bidone corretto. I tovaglioli di carta usati vanno nell’umido.

4. Scontrini dei regali
Sono nemici del riciclo della carta perché costituiti da carta termica. Devono quindi essere gettati nell’indifferenziato.

5. Al ristorante chiedete il “rimpiattino” 
Se si passano le feste al ristorante e non finite quello che avete nel piatto, chiedete il “rimpiattino” e portate a casa gli avanzi per evitare inutile spreco di cibo.

CONDIVIDI