Home EcoNews L’economia circolare arriva a Gela con l’impianto che trasforma i rifiuti in...

L’economia circolare arriva a Gela con l’impianto che trasforma i rifiuti in biocarburanti

Gela capitale italiana dell’economia circolare? Dopo la chiusura della chimica e del ciclo di raffinazione del petrolio, rimasto attivo per 50 anni, tutto è pronto in Sicilia per la ripresa produttiva all’insegna dell’economia circolare che trasforma i rifiuti in risorse da cui estrarre bio-carburanti. La Syndial, azienda del gruppo Eni, alla presenza dell’amministratore delegato Vincenzo Larocca, ha presentato il suo impianto-pilota Forsu: applicando un metodo proprio di lavorazione, “waste  to fuel”, ottiene dalla frazione organica della raccolta differenziata il 15% di bio diesel (pronto da usare come carburante per navi) 1% di bio-metano e il 70% di acqua, buona per essere riutilizzata a scopo irriguo o nei processi industriali.

Syndial e i nuovi investimenti

L’esperimento di Gela, che impegna una decina di tecnici, è propedeutico alla realizzazione di impianti industriali da 150 mila tonnellate annue di rifiuto umido che l’azienda intende realizzare in Italia. Syndial non ha escluso che un altro impianto così possa nascere a Gela. Tutto dipende dalla quantità e soprattutto dalla qualità della raccolta differenziata in Sicilia che nei prossimi quattro anni dovrebbe aumentare dalle attuali 200 mila tonnellate alle previste 500mila tonnellate annue del 2023. Intanto è tutto pronto anche per l’avvio alla produzione della “Green Refinery” costruita dopo la firma del protocollo d’intesa del 2014 al Mise. L’entrata in produzione è prevista per metà marzo. Sono stati spesi 300 milioni di euro. La materia prima sarà l’olio di palma ma anche l’olio usato nelle fritture. Una ditta privata si occuperà del pre-trattamento di questi oli. Altre aziende si stanno dicendo interessate a un loro insediamento nell’ex petrolchimico. Le università siciliane hanno espresso l’intenzione di approfondire studi e ricerche con l’Eni in questo settore.

FONTEIl Sole 24 ore
CONDIVIDI