Home Vetrina Produrre rifiuti di ‘qualità’ con la tecnologia Baioni si può

Produrre rifiuti di ‘qualità’ con la tecnologia Baioni si può

L’impianto totalmente modulabile conferisce al cliente la possibilità di programmare l’intera linea in base al materiale da trattare

Made in Italy, passione e innovazione: è la ricetta di Baioni per il case study di Ecosistem Group di Lamezia Terme, uno dei primari gruppi industriali attivo nel settore della valorizzazione del rifiuto e nella progettazione e gestione di impianti di depurazione. Il recente impianto di Soil Washing realizzato da Baioni per Ecosistem ha permesso di raggiungere ottimi rendimenti produttivi: dal processo infatti il cliente è in grado di ottenere aggregati riciclati di elevata qualità, ne dimostra il fatto che è riuscito non solo a ‘certificare’ il prodotto finale ottenuto, bensì a ‘certificare’ l’intera linea tecnologica. La sabbia in uscita dal processo di Soil Washing il cui uso previsto è in accordo infatti alla specifica tecnica armonizzata, ossia aggregati riciclati per calcestruzzo da utilizzare in costruzioni, strade e altre opere di ingegneria civile, in conformità alla norma EN 12620:2008. Analisi granulometrica: Sopravaglio 10 mm – 0,6 %, Frazione 4-10 mm -2,0 %, Frazione 0,063-4 mm- 80,4% , Sottovaglio 0,063 mm – 17,0 %.

L’impianto totalmente modulabile conferisce al cliente la possibilità di programmare l’intera linea in base al materiale da trattare di volta in volta, senza dover modificare le macchine; le tipologie di terreni trattati sono ad esempio i detriti da perforazione, i terreni da bonifica, i rifiuti derivanti da spazzamento stradale, in quest’ottica l’impianto di Soil Washing, oltre a recuperare la parte pregiata di terreno attraverso un processo di separazione fisica dell’inquinante, permette anche di produrre residue quantità di materiale di scarto quali rifiuti recuperabili (parti in ferro, plastica, legno, ecc.) e non recuperabili (materia organica, acque di lavaggio esauste, ecc.).

CONDIVIDI