Home Ambiente Sostenibilità ed economia circolare, firmato protocollo intesa Regione/Eni. Fontana: lavoriamo per migliorare...

Sostenibilità ed economia circolare, firmato protocollo intesa Regione/Eni. Fontana: lavoriamo per migliorare qualità vita

Il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, e il chief refining & marketing officer di Eni, Giuseppe Ricci, hanno sottoscritto un Protocollo d’Intesa che mira ad elaborare iniziative congiunte per promuovere una politica industriale di tipo circolare e a basse emissioni di carbonio, come risposta economica, sociale e culturale allo spreco di risorse che determina diseguaglianze, impatti ambientali e inefficienze nel territorio. All’incontro era presente anche l’assessore regionale all’Ambiente e Clima, Raffaele Cattaneo.
Le iniziative verteranno sullo studio, ricerca, sperimentazione e divulgazione sul tema dell’economia circolare per l’uso efficiente e sostenibile delle risorse, la promozione del recupero dei prodotti e la promozione di prodotti energetici sostenibili.

IL GOVERNATORE: REGIONE PUNTA SU SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE

“La sostenibilità ambientale – ha detto il presidente Fontana – è uno dei principi ispiratori dell’attuale azione di governo regionale. La Regione ha avviato diverse iniziative e percorsi partecipativi in tema di sostenibilità ambientale per migliorare la qualità di vita dei cittadini. Dalla redazione della Strategia Regionale per lo sviluppo sostenibile, all’Osservatorio per l’economia circolare e la transizione energetica e al Protocollo per lo Sviluppo Sostenibile con le associazioni di categoria del mondo industriale, dell’artigianato e dell’agricoltura, gli enti locali, le organizzazioni sindacali, il mondo della ricerca”.

UNA SFIDA DA VINCERE ATTRAVERSO LA PROGRAMMAZIONE

“La sfida della sostenibilità ambientale – ha evidenziato Fontana – non si vince con divieti o regole, ma attraverso una programmazione di sviluppo stabile e duraturo che realizzi iniziative di prevenzione, più che di repressione, e sappia coniugare le esigenze ambientali con quelle economiche e sociali. In quest’ottica si inquadra il Protocollo firmato oggi con Eni”. “Attraverso una collaborazione efficace tra istituzioni e attori economici – ha aggiunto il Governatore – possono mettersi in atto misure che a medio e lungo termine creano contesti nei quali si valorizzano la libertà economica, l’imprenditorialità che crea occupazione salubre e sicura, così come la sostenibilità ambientale e la qualità della vita”. “L’economia circolare – ha concluso il presidente – poggia su questi capisaldi. Il riuso diventa un’opportunità di business per le nostre imprese e, al contempo, può diventare uno stile comportamentale capace di incidere sulle abitudini quotidiane dei singoli e a beneficio della collettività. I cittadini sono, infatti, sempre più consapevoli e informati rispetto all’impatto ambientale delle scelte di politica industriale ed economica, ed è necessario dar loro una risposta concrete e seria”

CATTANEO: ECONOMIA CIRCOLARE PER SVILUPPO SOSTENIBILE

L’assessore regionale all’Ambiente e Clima, Raffaele Cattaneo, ha quindi sottolineato come proprio “l’economia circolare sia la chiave dello sviluppo sostenibile”. “La firma di questo protocollo – ha proseguito Cattaneo – conferma la leadership della nostra Regione non solo in materia di individuazione di politiche innovative ma anche la capacità di trovare collaborazioni attraverso l’ascolto dei grandi soggetti del mondo produttivo”.
“Tra gli ambiti di collaborazione – ha concluso Cattaneo – saremo impegnati nello studio di soluzioni concrete sui temi prioritari dell’economia circolare: il riuso di materiali, la valorizzazione dei fanghi e delle plastiche, la valorizzazione delle biomasse, la gestione sostenibile dell’acqua e la valorizzazione delle biomasse”.

FONTERegione Lombardia
CONDIVIDI