Home News dalle Aziende Città del Messico: da STADLER l’impianto di selezione più grande dell’America Latina

Città del Messico: da STADLER l’impianto di selezione più grande dell’America Latina

impianto-stadler-citta-del-messico

Città del Messico possiede l’impianto di selezione più grande e moderno dell’America Latina. Situato a Azcapotzalco e inaugurato nel luglio scorso, è la dimostrazione della volontà del governo della città – il primo nel Paese – di andare verso un trattamento dei rifiuti urbani basato sul concetto di economia circolare, uno degli obiettivi prioritari dell’attuale amministrazione.

STADLER ha fornito la tecnologia più moderna per raggiungere questo traguardo. Natalya Duarte, direttore vendite per il Messico di STADLER, afferma: “Vorremmo ringraziare Città del Messico per averci permesso di dare il nostro contributo e partecipare alla grande sfida di ridurre i rifiuti di una delle megalopoli più popolate al mondo, dove ogni giorno vengono generate più di 12.000 tonnellate di rifiuti”. Il governo della città pone così le basi per adempiere alla sua responsabilità ambientale, riconoscendo l’importanza di rispettare gli accordi internazionali e la necessità di applicare i principi dell’economia circolare.

Si tratta del primo impianto automatizzato di proprietà del governo per la separazione e il trattamento dei rifiuti solidi urbani. L’impianto di 11.000 m2 seleziona carta, cartone, imballaggi multistrato, PET e HDPE, sacchetti e pellicole di plastica, lattine di alluminio, film di alluminio, tessuti, vetro e altri metalli. L’impianto è stato messo in funzione nel maggio 2021. Opera insieme a una stazione di trasferimento per trattare circa 1.000 tonnellate al giorno di rifiuti provenienti dai comuni di Cuauhtémoc, Gustavo A. Madero, Miguel Hidalgo e Azcapotzalco, e sarà in grado di ricevere fino a 1.400 tonnellate di rifiuti al giorno. Il suo funzionamento genererà 404 posti di lavoro.

L’impianto è gestito da Pro Ambiente, una filiale di CEMEX, che ha più di 25 anni di esperienza nella gestione dei rifiuti e nel funzionamento di impianti per la selezione e il recupero di CDR (combustibile derivato dai rifiuti). “Siamo orgogliosi di partecipare a questo nuovo progetto, che è in linea con i nostri obiettivi di sostenibilità e di riduzione delle emissioni. Siamo pronti a gestire questo impianto secondo un modello che garantisce, prima di tutto, la sicurezza di tutti i nostri dipendenti, la continuità operativa attraverso programmi di manutenzione e produzione con standard internazionali, e la qualità di selezione per garantire un maggiore riutilizzo dei rifiuti generati a Città del Messico”, dice José Guillermo Díaz, responsabile della tecnologia e dei combustibili alternativi di CEMEX.

impianto-stadler-citta-del-messico
L’impianto di selezione più grande e moderno dell’America Latina ad Azcapotzalco, Città del Messico, inaugurato da STADLER nel luglio scorso

Un’inaugurazione in grande

L’impianto è stato inaugurato ufficialmente il 25 luglio scorso. All’evento hanno partecipato le personalità più importanti della scena politica, tra cui Claudia Sheinbaum Pardo, sindaca di Città del Messico; Jesús Antonio Esteva Medina, segretario dei lavori; Marina Robles García, capo del SEMADET; Vidal Llerenas Morales, sindaco di Azcapotzalco; e Gautier Mignot, ambasciatore della delegazione UE in Messico.

Dopo un’accorata dichiarazione sull’importanza dell’implementazione di un tale impianto, Claudia Sheinbaum ha premuto il pulsante che ha avviato le macchine, realizzando il piano stabilito nella sua agenda di andare verso un’economia circolare.

“Invece di guidare i camion per scaricare i rifiuti e la spazzatura nelle discariche, stiamo selezionando tutto. E il materiale riciclato viene utilizzato per produrre altri prodotti: questa si chiama economia circolare a Città del Messico! Siamo orgogliosi di questo impianto di selezione rsu, il più moderno dell’America Latina”, ha detto Claudia Sheinbaum durante l’evento di inaugurazione.

impianto-stadler-citta-del-messico

Automazione e lavoro: un equilibrio perfetto

L’uso del trattamento meccanico tra il trasferimento e la selezione finale è stato un primo passo fondamentale e naturale nel programma rifiuti zero dell’attuale amministrazione di Città del Messico. L’obiettivo era quello di catturare e selezionare tutti gli imballaggi riciclabili all’interno della stazione di trasferimento stessa.

“L’innovativa tecnologia di selezione di STADLER ha senso sia per l’efficienza raggiunta nel processo di recupero che per l’alto grado di purezza dei materiali ottenuti.  Perfeziona e industrializza questo processo di gestione dei rifiuti, fornendo condizioni di lavoro per i selezionatori manuali che sono paragonabili a quelle di qualsiasi impianto del primo mondo. Vale la pena notare che l’automazione non sostituisce le risorse umane. È possibile raggiungere un perfetto equilibrio tra le due, il che è fondamentale per il mercato messicano. Abbiamo dimostrato chiaramente che è così in questo progetto a Città del Messico, dove l’equilibrio tra tecnologia e risorse umane migliora i numeri dal punto di vista della pubblica amministrazione e ottimizza il costo operativo di questo tipo di impianto di riciclo”, dice Natalya Duarte.

impianto-stadler-citta-del-messico
Equilibrio tra tecnologia e risorse umane nell’impianto STADLER ad Azcapotzalco, Città del Messico

STADLER: tecnologia all’avanguardia focalizzata sull’economia circolare

La fiducia che il governo ha riposto in STADLER è stata sviluppata attraverso una gara d’appalto con la partecipazione di accademici ed esperti a livello nazionale, nonché di istituzioni e ministeri coinvolti nella legislazione e nella supervisione del corretto trattamento degli RSU. Il risultato di un’analisi dettagliata da parte di un comitato di esperti sulla base di una caratterizzazione dei rifiuti effettuata da UAM (Universidad Autonoma Metropolitana) ha portato alla conclusione che la tecnologia STADLER, “Made in Germany”, ma adattata alle esigenze locali e personalizzata in base ai requisiti specifici, garantisce un trattamento meccanico che soddisfa i più alti standard di qualità ed efficienza ed è basata sui principi della sostenibilità e dell’economia circolare.

STADLER è leader mondiale nella progettazione degli impianti di selezione dei rifiuti ed è presente in Messico con 4 importanti siti di riciclo: a Cuautla de Morelos (OFMRS – OPERADORA DE FERROCARRIL Y MANEJO DE RELLENOS), a Chihuahua, a San Luis Potosi e ora ad Azcapotzalco. Tre di questi impianti sono stati completati e il rimanente, che sarà presto commissionato, dovrebbe essere un grande successo considerata la posizione geografica.

Orgogliosa di essere stata scelta per partecipare a questo emozionante passo verso un futuro sostenibile, Natalya Duarte spiega che questo impianto è speciale per diverse ragioni: “L’innovativa tecnologia di selezione ci permette di passare da un processo di selezione più manuale a un processo automatico che garantisce una maggiore efficienza di recupero e un materiale più puro. Questo si traduce in materiali riciclabili di maggior valore. Inoltre, il processo di riciclo è perfezionato e industrializzato, trovando il giusto equilibrio tra tecnologia e controllo manuale della qualità. Inoltre, l’impianto opera secondo criteri di efficienza e sostenibilità che sono completamente nuovi in questo Paese, e vede l’innovazione tecnologica come uno strumento fondamentale per la salvaguardia dell’ambiente”.

Natalya Duarte
Natalya Duarte direttore vendite per il Messico di STADLER

STADLER

STADLER® si dedica alla progettazione, produzione e montaggio di sistemi e componenti per lo smaltimento e il riciclaggio di rifiuti in tutto il mondo. Il suo team di oltre 450 dipendenti qualificati offre un servizio completo su misura, dalla progettazione concettuale alla pianificazione, produzione, modernizzazione, ottimizzazione, montaggio, messa in funzione, trasformazione, smontaggio, manutenzione e assistenza delle singole macchine e degli impianti di selezione. La sua gamma di prodotti comprende separatori balistici, nastri trasportatori, vagli rotanti e delabeler. L’azienda è inoltre in grado di fornire strutture in acciaio e quadri elettrici per gli impianti che installa. Fondata nel 1791, l’attività e la strategia di quest’impresa a conduzione familiare, insieme alla responsabilità sociale, sono sostenute dalla sua filosofia di qualità, affidabilità e soddisfazione del cliente.

CONDIVIDI