Home News dalle Aziende Un’edizione di successo, grazie all’energia di tutta una filiera

Un’edizione di successo, grazie all’energia di tutta una filiera

L’edizione 2019 del Mondial du Bâtiment ha mantenuto tutte le sue promesse! Per 5 giorni, la grande famiglia del settore edile si è ritrovata sui 3 saloni IDEOBAIN, INTERCLIMA e BATIMAT per disegnare il futuro della costruzione.

Con un aumento del numero dei visitatori francesi (+2 punti) e della consulenza (+2 punti) rispetto al 2017, il Mondial du Bâtiment ha raggiunto i suoi obiettivi. La frequenza è stata di 284.000 visitatori professionali, animati dal desiderio di partecipare alla trasformazione del settore edile, che si sono ritrovati in un ambiente descritto da tutti come conviviale.

Tutti gli attori del settore hanno tratto vantaggio da questo evento internazionale a dimostrazione che l’edilizia ha preso la svolta della modernizzazione. Ciò è stato espresso in tutti i settori dei tre saloni attraverso vari temi federatori: la generalizzazione della digitalizzazione in tutti i settori, la mobilitazione attorno all’industrializzazione del nuovo, la massificazione del rinnovamento energetico, la riduzione degli impatti ambientali, la gestione dei rifiuti…

La mobilitazione delle associazioni e delle organizzazioni professionali ha creato un’effervescenza molto positiva. Questo dinamismo del settore ha portato alla visita di quattro ministri e segretari di stato: Julien Denormandie, Emmanuelle Wargon, Brune Poirson e Agnès Pannier-Runacher.

Guillaume Loizeaud spiega le ragioni di questo successo: “Grazie ai numerosi contatti intrapresi da due anni con tutte le parti interessate del settore, abbiamo creato negli operatori dell’edilizia il desiderio di incontrarsi in un evento “generatore di business” e di incontri di qualità. Grazie a numerosi eventi, le Mondial ha contribuito a decodificare le rivoluzioni in corso come la Construction Tech®, l’Hors-Site ®, l’economia circolare, le basse emissioni di carbonio. Le autorità pubbliche ne hanno approfittato per presentare le loro politiche pubbliche.

CONDIVIDI