Home Demolizioni Waterfront di Genova: demolizione del padiglione C

Waterfront di Genova: demolizione del padiglione C

waterfront_genova_demolizione_padiglione_c_1

Prosegue a ritmo spedito la demolizione del Padiglione C della ex area della Fiera di Genova. Il cantiere, aperto a inizio 2021, prepara il terreno al nuovo Waterfront di Levante disegnato dall’architetto Renzo Piano e donato al Comune di Genova, alla Regione Liguria e all’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale.

La demolizione, in carico al Comune di Genova, viene eseguita da un raggruppamento di imprese guidato da Daf Demolizioni e composto dalle ditte Vico e Bazzani. L’abbattimento della struttura è iniziato venerdì scorso, poche ore dopo la firma della cessione a Cds delle parti rimanenti dell’ex zona fieristica: la sede dell’ex Nira e i padiglioni C, D e M.

Tre gli escavatori all’opera: sono i cingolati da demolizione Caterpillar 340UHF e il 352 Ultra High Demolition con braccio da 43 metri di estensione. Ottanta le persone impiegate nel cantiere del padiglione C che sarà completamente spianato in una decina di giorni. Poi toccherà al padiglione D, la ex facoltà di ingegneria, al cui interno è in atto la bonifica, infine toccherà al padiglione M. Tutte le demolizioni verranno completate entro giugno.

La riqualificazione che partirà a ruota è quella disegnata da Renzo Piano per il nuovo Waterfront di Genova: il prossimo agosto Cds inizierà a costruire le residenze sul sedime dell’ex padiglione D e lo scavo per il canale navigabile. “Tutto il Waterfront sarà completo entro il 2023, tempi dati dalla convenzione urbanistica” assicura l’assessore ai Lavori pubblici del Comune di Genova Pietro Piciocchi.

CONDIVIDI